Discipline Primo Livello
Anatomia artistica 1
prof.ssa Rosa Anna Pucciarelli

Il corso indaga l’uomo nell’arco dei due anni (primo e secondo), non solo nella sua struttura fisica, ma anche nei ritmi nella funzionalità corporea, nello studio dei comportamenti ai fini della raffigurazione, con particolare riferimento alla gestualità, come l’insieme degli atteggiamenti e dei movimenti del corpo, per fornire gli strumenti necessari, agli studenti interessati, per specializzarsi come sub-character designer, model-sheet, character designer o main character designer.


Anatomia artistica 1
prof. Giuseppe Patruno


Anatomia artistica 1
prof.ssa Giovanna Clingo

Il corpo propone un percorso didattico formativo utile per la formazione e lo studio del corpo umano nella sua struttura ossea.


Anatomia artistica 2
prof.ssa Gabriella Larinà


Anatomia artistica 2
prof.ssa Giovanna Clingo

Il corso propone un percorso didattico-formativo che mira a fornire una buona conoscenza del corpo umano dal punto di vista miologico.


Antropologia culturale
prof. Mauro Minervino



Il corso è orientato a fornire gli strumenti teorici e pratici per comprendere i processi creativi che sottendono la produzione di immagini in movimento. La sezione teorica prevede un’indagine sulle origini del computer come strumento creativo e i cambiamenti di paradigma nell’estetica delle arti digitali dagli anni Cinquanta in poi. La sezione laboratoriale si basa su lezioni rivolte ad evolvere gli aspetti sperimentali dell’artista con il computer.


Il corso è orientato a fornire gli strumenti teorici e pratici per comprendere i processi creativi che sottendono l’ambito della progettazione di immagini interattive. La sezione teorica prevede un’indagine sull’estetica delle interfacce e le origini dei giochi al computer. La sezione laboratoriale si basa su lezioni rivolte ad evolvere gli aspetti operativi della progettazione, prototipazione e distribuzione di immagini interattive.


Il corso è orientato a fornire gli strumenti teorici e pratici per comprendere i processi creativi che sottendono l’ambito della progettazione di immagini nello spazio. La sezione teorica prevede un’indagine sull’estetica delle interfacce e una ricerca monografica. La sezione laboratoriale si basa su lezioni dedicate alla produzione di immagini nello spazio pubblico: prima in forma di prototipo; successivamente integrato nel palinsesto culturale di una amministrazione locale.


Architettura virtuale
prof. Emanuele Bisceglie


Arte del fumetto
prof. Alessio Fortunato


Beni Culturali
prof. Giancarlo Chielli

Il corso di beni culturali e ambientali offre una solida formazione di base, metodologica e storica, nel campo dello studio storico-scientifico e dei metodi di ricerca, gestione e promozione del patrimonio culturale nazionale sulla base degli specifici percorsi individuati (storia, conservazione e promozione dei beni archeologici, architettonici,discipline storico-artistiche, analisi e valorizzazione dei beni storico-artistici), includendo l’adeguata conoscenza delle discipline giuridiche necessarie alla tutela del patrimonio, l’acquisizione di competenze tecniche per gli interventi di organizzazione della ricerca e di gestione, lo sviluppo di capacità di comunicazione e promozione che utilizzino anche le tecnologie telematiche. Il corso vive di due momenti distinti: le lezioni frontali (parte prima) e la Ricerca (parte seconda).


Computer art
prof.ssa Veronica Liuzzi

Il corso è finalizzato alla ricerca di una metodologia di lavoro che possa interfacciare le nuove tecnologia alla progettazione artistica e alle arti visive.


Computer games
prof. Andrea Grosso Ciponte

Il corso intende fornire gli strumenti per la progettazione e la creazione di applicazioni multimediali interattive con finalità espressivo-artistiche e videoludiche attraverso l’uso di software mutipiattaforma open source.


Costume per lo spettacolo
prof. Tommaso Lagattolla


Cromatologia
prof. Giuseppe Patruno


Cultura dei materiali di moda
prof.ssa Lucia Sette


Cultura del progetto
prof.ssa Annalisa Cantarini


Decorazione 1
prof. Alfonsino Pisicchio

L’elaborazione del programma del corso di Decorazione intende fornire agli studenti, nel rispetto delle loro specificità e scelte espressive, l’appropriazione di un metodo critico del fare arte creativa attraverso l’analisi e la ricerca partendo dal segno, dalla forma e dal colore, nonché dall’approfondimento delle conoscenze delle tecniche e delle nuove tecnologie quali strumenti per l’uso dello spazio e della rappresentazione propedeutici alla progettazione dell’ambiente interno, esterno e dell’habitat territoriale. La parte teorica troverà riscontro nell’esaminare le diverse tecniche,e i molteplici linguaggi espressivi anche della comunicazione declinata all’arte. 1) Ricerca storica, analisi delle forme – segni- simboli - colori. 2) Raccolta bozzetti e scelta di un oggetto/modulo. 3) Ideazione artistica - decorativa. 4) Progetto d’insieme - realizzazione tavole. 5) Realizzazione plastica (bidimensione - tridimensione).


Decorazione 1
prof.ssa Julia Donata Carraro

L’attività didattica del corso si basa su un metodo di lavoro capace di fondere discipline artistiche molto diverse in un’unica esperienza interpretativa ed espressiva. L’ampio territorio in cui opera la decorazione, fa sì che la funzione didattica si configuri come un laboratorio permanente di ricerca e di sperimentazione.


Decorazione 2
prof. Alfonsino Pisicchio

L’elaborazione del programma del corso di Decorazione intende fornire agli studenti, nel rispetto delle loro specificità e scelte espressive, l’appropriazione di un metodo critico del fare arte creativa attraverso l’analisi e la ricerca partendo dal segno, dalla forma e dal colore, nonché dall’approfondimento delle conoscenze delle tecniche e delle nuove tecnologie quali strumenti per l’uso dello spazio e della rappresentazione propedeutici alla progettazione dell’ambiente interno, esterno e dell’habitat territoriale. La parte teorica troverà riscontro nell’esaminare le diverse tecniche,e i molteplici linguaggi espressivi anche della comunicazione declinata all’arte. 1) Ricerca storica, analisi delle forme – segni- simboli - colori. 2) Raccolta bozzetti e scelta di un oggetto/modulo. 3) Ideazione artistica - decorativa. 4) Progetto d’insieme - realizzazione tavole. 5) Realizzazione plastica (bidimensione - tridimensione).


Decorazione 2
prof.ssa Julia Donata Carraro


Decorazione 3
prof. Alfonsino Pisicchio

L’elaborazione del programma del corso di Decorazione intende fornire agli studenti, nel rispetto delle loro specificità e scelte espressive, l’appropriazione di un metodo critico del fare arte creativa attraverso l’analisi e la ricerca partendo dal segno, dalla forma e dal colore, nonché dall’approfondimento delle conoscenze delle tecniche e delle nuove tecnologie quali strumenti per l’uso dello spazio e della rappresentazione propedeutici alla progettazione dell’ambiente interno, esterno e dell’habitat territoriale. La parte teorica troverà riscontro nell’esaminare le diverse tecniche,e i molteplici linguaggi espressivi anche della comunicazione declinata all’arte. 1) Ricerca storica, analisi delle forme – segni- simboli - colori. 2) Raccolta bozzetti e scelta di un oggetto/modulo. 3) Ideazione artistica - decorativa. 4) Progetto d’insieme - realizzazione tavole. 5) Realizzazione plastica (bidimensione - tridimensione).


Decorazione 3
prof.ssa Julia Donata Carraro


Design
prof. Pier Luca Freschi

Sviluppo completo del processo progettuale dall’idea al modello


Design dell'accessorio
prof.ssa Julia Donata Carraro

Il corso propone una rivisitazione degli accessori da indossare come integrazione dell’abbigliamento base, considerati nella doppia valenza decorativa e funzionale.


Design per l’editoria
prof. Paolo Azzella


Didattica per il museo
prof.ssa Maria Vinella

I musei offrono una vasta risorsa educativa, non solo come ausilio per la comunicazione visiva. Istituzione permanente al servizio della società, esso ha specifiche peculiarità didattiche. Per didattica museale si intende l’insieme delle metodologie e degli strumenti utilizzati dalle istituzioni museali per rendere accessibili al pubblico collezioni, raccolte, mostre e in generale ogni tipo di esposizione culturale. Il museo oggi è fattore propulsore di crescita culturale e morale della società. In particolare, costituisce esperienza sociale che adotta metodologie attive ponendosi due principali ordini di finalità: da un lato promuovere la conoscenza del patrimonio culturale nazionale in tutti i cittadini, a tutte le età (Educazione Permanente), dall’altro lato rinnovare le metodologie di insegnamento dei vari saperi attraverso procedure didattiche di tipo “attivo”, volte a promuovere forme di apprendimento “significativo”, non puramente nozionistico. In questo quadro assume un ruolo centrale la concreta esperienza d’incontro con i beni artistico-culturali. Il corso di “Didattica per il Museo” è orientato alla formazione di educatori museali e mediatori culturali per la gestione e l’organizzazione di sezioni didattiche in occasione di eventi espositivi e non. Ha l’obiettivo di assicurare un’adeguata padronanza dei metodi e delle tecniche comunicative, nonché l’acquisizione di specifiche competenze artistiche e professionali al fine di fornire conoscenze e metodologie di trasmissione e comunicazione delle modalità di realizzazione delle opere d’arte, della loro interpretazione e fruizione. Gli studenti acquisiranno le competenze necessarie per ideare, costruire e condurre una mediazione artistica con il pubblico, utilizzando una metodologia efficace volta alla lettura dell’opera d’arte e alla sua rielaborazione e interiorizzazione.


Digital video
prof. Roberto Sibilano

Il corso in oggetto ha la finalità di introdurre gli studenti all’apprendimento dei passaggi necessari alla realizzazione di un prodotto di tipo audiovisivo. Il corso, articolato in differenti moduli, mira a fornire agli studenti competenze sufficienti per poter analizzare ed affrontare le problematiche inerenti l’ideazione, la realizzazione e la post-produzione di varie tipologie di prodotto: spot pubblicitario o sociale, cortometraggio, documentario e videoclip. Attraverso la sperimentazione di ciascuna delle fasi produttive, lo scopo ultimo è quello di fornire agli studenti gli strumenti necessari alla codifica del linguaggio filmico, oltre che realizzare con ciascuno di loro un lavoro vero e proprio. L’elaborazione e la realizzazione di un audiovisivo è il risultato di differenti ambiti che interagendo tra loro rendono possibile la produzione di un prodotto complesso. Il corso ha lo scopo di far conoscere agli studenti tutti questi ambiti di interesse ed ha inoltre il fine di far sperimentare a ciascuno di loro le singole maestranze che sono all’opera. Questo da un lato, allo scopo di abituarli al lavoro in equipe, dall’altro a capire le problematiche che ciascuna specificità porta con sé.


Disegno per l'incisione
prof. Angelo Pagliarulo


Disegno per la decorazione
prof. Alfonsino Pisicchio

Il corso è orientato a fornire conoscenze teoriche e procedure applicative, dotando lo studente degli strumenti necessari per ideare e rappresentare graficamente la propria visione.


Disegno per la pittura
prof.ssa Magda Milano


Disegno per la scultura
prof. Riccardo Albanese


Disegno tecnico e progettuale
prof. Emanuele Bisceglie


Il corso di Elaborazione digitale dell’immagine ha come obiettivo principale quello di fornire agli allievi gli strumenti necessari per usare e padroneggiare le tecnologie digitali, con un approccio intuitivo e soprattutto creativo, aprendo la mente alle nuove forme di espressione e di comunicazione.







Estetica dei new media
prof.ssa Laura Ricca

Il corso si articola in tre parti: Teorie, Poetiche, Letture.


Estetica delle arti visive
prof. Emanuele d’Angelo


Etica della comunicazione
prof. Gaspare Buonsante


Fashion design
prof.ssa Marina Consiglio


Fashion design 1
prof. Roberto Guarducci

Il Fashion Design è l’arte di disegnare la moda, dell’abbigliamento e degli accessori.


Fashion design 2
prof.ssa Antonietta Sebastiano


Il corso divide in due sezioni. La prima, metodologica, parte dall’analisi fenomenologica del concetto di arte e si sofferma sul sistema dell’arte contemporanea, con particolare attenzione alla figura dell’artista. La seconda ha per oggetto l’approfondimento delle principali esperienze elaborate in Europa e America dal secondo dopoguerra agli anni Sessanta. Tra materiali utilizzati, specifica attenzione sarà riservata alla produzione filmica di documentari e biopic d’artista.


“Fenomenologia delle arti contemporanee” si occupa dell’indagine, in un’ottica interdisciplinare, delle interrelazioni tra le diverse arti contemporanee e della problematizzazione dei rapporti che ne derivano, nonché della loro contestualizzazione all’interno dell’orizzonte socioculturale, con particolare riferimento alle questioni connesse ai processi di innovazione tecnologica. Il discorso fenomenologico ha un carattere di descrizione e pertanto mediante alcuni esempi paradigmatici, il corso si propone di fornire elementi di base e di approfondito; il fine è di far scoprire l’importanza della fenomenologia (artistica, sociale, antropologica ecc.) sviluppata dalle Arti Contemporanee, tra ampliamento concettuale del capo fenomenico delle arti e frammentazione postmoderna e tra funzionalità ed estetica del contemporaneo nel fruire una nuova tipologia di arte.


Filosofia dell’arte
prof. Vincenzo Santarcangelo



Fondamenti di marketing culturale
prof.ssa Marilena Di Tursi

Il corso fornisce conoscenze specifiche sulla comunicazione e sul marketing culturale per la valorizzazione dei beni museali e per la pianificazione e la promozione di eventi culturali. Saranno forniti gli strumenti necessari per interagire con il sistema culturale partendo dalle applicazioni del marketing nel sistema dell’arte contemporanea, attraverso eloquenti casi studio. Esempi che offrono modalità innovative di valorizzazione e di interazione tra artista e pubblico e intendono il bene culturale come risorsa sociale ed economica per il territorio, ossia “laboratorio di ricerca e sviluppo” spendibile nel sistema produttivo per nuovi progetti imprenditoriali, per la formazione e la selezione di nuove professionalità.


Il settore comprende lo sviluppo di esperienze pratico-operative di costruzione razionale di armature per la scultura, di sistemi di calchi, nonché delle tecniche di utilizzo e di riempimento dei calchi. Affronta inoltre, sia dal punto di vista teorico, sia attraverso la pratica laboratoriale, le questioni relative alle tecniche di lavorazione con le relative peculiarità specifiche dei materiali di rappresentazione e di costruzione. I contenuti disciplinari comportano sia l’uso delle tecniche, degli strumenti e dei materiali della tradizione, sia l’uso delle nuove tecnologie.


Fotografia
prof. Umberto Agnello

Il corso prevede una parte teorica e una parte laboratoriale. La parte teorica analizza i diversi aspetti della fotografia partendo dalla tecnica di base fino all’analisi delle immagini. Si esamineranno i seguenti argomenti: tecnica fotografica di base i generi fotografici (still-life, moda, ritratto, reportage, ricerca artistica)  - mutamento della tecnica (da analogico a digitale) - evoluzione dello stile (cambiamenti socio-culturali e tecnologici e implicazioni sull’estetica della comunicazione). La parte laboratoriale prevede l’apprendimento degli elementi fondamentali di illuminotecnica e la sperimentazione in prima persona di tecniche, stili e metodi di lavoro affrontando la ripresa fotografica digitale in relazione ai linguaggi della fotografia contemporanea (arte, moda, editoria).


Fotografia 1
prof. Massimo Vicinanza

Il corso fornisce le conoscenze teoriche e tecniche necessarie alla corretta ripresa fotografica e per migliorare la capacità di osservazione, lo spirito critico e la creatività.


Fotografia 2
prof. Massimo Vicinanza

Il programma didattico, comune all’intero percorso formativo accademico ma con argomenti modulati in base all’indirizzo di studio, mira alla ricerca e alla sperimentazione di nuovi linguaggi artistici, anche multimediali, che abbiano come punto nodale l’utilizzo professionale del mezzo fotografico.


Fotografia 3
prof. Umberto Agnello

Il corso prevede una parte teorica e una parte laboratoriale. La parte teorica analizza i diversi aspetti della fotografia partendo dalla tecnica digitale evoluta fino all’analisi delle immagini. Si esamineranno i seguenti argomenti: i generi fotografici (still-life, moda, ritratto, reportage, ricerca artistica)  mutamento della tecnica (da analogico a digitale) editing digitale di base (revisione, scelta, trattamento delle immagini) - evoluzione dello stile (cambiamenti socio-culturali e tecnologici e implicazioni sull’estetica della comunicazione). La parte laboratoriale prevede l’apprendimento degli elementi fondamentali di illuminotecnica e la sperimentazione in prima persona di tecniche, stili e metodi di lavoro affrontando la ripresa fotografica digitale in relazione ai linguaggi della fotografia contemporanea (arte, moda, editoria).


Fotografia digitale
prof. Massimo Vicinanza

Il programma didattico, comune all’intero percorso formativo accademico ma con argomenti modulati in base all’indirizzo di studio, mira alla ricerca e alla sperimentazione di nuovi linguaggi artistici, anche multimediali, che abbiano come punto nodale l’utilizzo professionale del mezzo fotografico.


Graphic Design
prof. Gaspare Buonsante


Iconografia e disegno anatomico
prof. Giuseppe Patruno


Illustrazione
prof. Federico Martino (†)


Illustrazione scientifica
prof.ssa Rosa Anna Pucciarelli

Il corso si propone di preparare gli studenti fornendo adeguate conoscenze in ambito anatomico, grafico, tecnico, pratico.


Inglese (A)
prof.ssa Anastasia Favuzzi


Inglese (A)
prof.ssa Maria Guario


Inglese (B)
prof.ssa Anastasia Favuzzi


Inglese (B)
prof.ssa Maria Guario



Management per l’arte
prof.ssa Ilaria Oliva

Sarà fornita agli studenti una definizione specifica delle imprese culturali e le competenze relative all’analisi del mercato e del prodotto culturale, attraverso la conoscenza delle tecniche di individuazione e comprensione del fabbisogno e del consumo culturale e dei comportamenti del consumatore. Utilizzando tali strumenti di indagine, si giungerà allo sviluppo delle strategie da utilizzare nella preparazione e nella redazione di un “business plan” di un’impresa o attività culturale, alla metodologia più efficace per sfruttare al meglio il cosiddetto “marketing mix”, ivi compreso un buon piano di comunicazione. Saranno approfonditi anche aspetti riguardanti il marketing territoriale e verranno forniti esempi di buone prassi nella gestione di attività culturali, nonché casi studio, per analizzare i quali sono previste, ove possibile, visite in loco. Particolare rilevanza sarà data alla conoscenza e ricerca di fonti di finanziamento pubblico, a livello nazionale ed europeo, prevedendo la compilazione delle relative domande come esercizio applicativo.


Il corso propone un approccio al processo di progettazione che va oltre il disegno sulla carta. L’idea è quella di mostrare agli studenti le difficoltà della progettazione attraverso un processo che va dalla invenzione di un oggetto sulla carta, alla sua realizzazione con un modello in scala.


Metodologia e teoria della storia dell’arte
prof.ssa Giuseppina Petruzzelli

La storia dell’arte, disciplina a fondamento storico. Le fonti per la storia dell’arte (i beni culturali come fonte, gli archivi fisici e online, le biblioteche, gli OPAC), fonti primarie e fonti secondarie. L’evoluzione delle fonti nel tempo. La storia della storia dell’arte. Le metodologie per la ricerca e l’insegnamento storico-artistico. La costruzione di un oggetto di ricerca individuale.


L’obiettivo del corso è sviluppare negli studenti un metodo progettuale e delle competenze comunicative, critiche e tecniche per soddisfare al meglio le necessità di un ipotetico committente.


Modellistica e tecniche della confezione 1
prof.ssa Maria Pina Ingravalle


Pedagogia e didattica dell’arte
prof.ssa Cristina Pancini

Il corso intende attraversare la contemporaneità dei modelli e delle pratiche educative legate all’arte con un proposito fondante: innescare interrogazioni e dibattiti per provare a cercare insieme possibilità inedite di azione. Un procedere che partirà da pratiche del passato per giungere fino all’ oggi, quando l’arte si espande e sconfina nella didattica, generando esperienze volontariamente sperimentali e auspicabilmente educative. Motori accesi da urgenze, per attivare riflessioni e azioni sul quotidiano.


La strutturazione del corso nasce dalla visione dell’arte come esperienza indispensabile alla formazione integrale della persona. La pedagogia studia le dinamiche relazionali attraverso le quali è possibile intervenire nella trasmissione del sapere e dunque nella formazione della personalità; è una disciplina che poggia su presupposti filosofici fortemente connessi alle scienze umane. La pedagogia dell’arte è finalizzata a individuare i concetti e i metodi di ricerca più pertinenti al rapporto tra arte-cultura-educazione. Nel corso, tale rapporto si articola, sia nei fondamenti teorici che nelle pratiche, come un insieme organico di lezioni ed esperienze di progettazione didattica.


Pittura 1
prof. Fabio Bonanni


Pittura 1
prof. Francesco Cervelli

Il programma si propone di fornire l’acquisizione delle conoscenze teoriche e pratiche della pittura. Le lezioni saranno focalizzate sulla pittura nell’atelier, ossia come luogo organizzato ove si apprendono e si sperimentano i fondamenti della materia e si sviluppano le fasi della creazione delle opere, punto cardine dell’esecuzione. Creatività e originalità come obiettivi d’apprendimento.


Pittura 2
prof. Francesco Cervelli

Il programma si propone di fornire l’acquisizione delle conoscenze teoriche e pratiche della pittura. Le lezioni saranno focalizzate sulla pittura nell’atelier, ossia come luogo organizzato ove si apprendono e si sperimentano i fondamenti della materia e si sviluppano le fasi della creazione delle opere, punto cardine dell’esecuzione. Creatività e originalità come obiettivi d’apprendimento.


Pittura 2
prof.ssa Maria Alessia Colacicco

Il corso di Pittura si pone l’obiettivo di sviluppare una personale ricerca artistica, attraverso un percorso didattico volto a stimolare ed accrescere la capacità critica ed estetica dello studente.


Pittura 3
prof. Fabio Bonanni


Pittura 3
prof. Francesco Cervelli

Il programma si propone di fornire l’acquisizione delle conoscenze teoriche e pratiche della pittura. Le lezioni saranno focalizzate sulla pittura nell’atelier, ossia come luogo organizzato ove si apprendono e si sperimentano i fondamenti della materia e si sviluppano le fasi della creazione delle opere, punto cardine dell’esecuzione. Creatività e originalità come obiettivi d’apprendimento.


Plastica ornamentale
prof. Carlo Simone

Il settore disciplinare è orientato alla ricerca ed alla sperimentazione finalizzata alla creazione di forme libere relazionate agli sviluppi contemporanei del linguaggio decorativo, plastico e formale. Saranno approfonditi in modo particolare le tecniche del basso e alto rilievo, tutto tondo, assemblaggio, istallazioni, sino ai nuovi linguaggi della contemporaneità ed ai nuovi materiali.


Plastica ornamentale
prof. Antonio Cicchelli

Il corso di Plastica Ornamentale si pone e propone un percorso didattico-formativo utile per la formazione di esperti nel settore delle arti plastico-decorative, capaci di comprendere attraverso la conoscenza, acquisizione e utilizzazione di nuovi strumenti, i metodi applicativi dei nuovi linguaggi artistico-visivi.


Con il termine attività ludiche in pedagogia e nella pratica formativa si intendono quelle attività con finalità creative ed educative. Tali pratiche sono adottate principalmente nelle scuole dell’obbligo. Queste pratiche, in armonia con gli intenti della pedagogia contemporanea, offrono stimoli che hanno lo scopo di educare alla globalità e interdipendenza dei numerosi linguaggi verbali e non verbali, mettendo a disposizione risorse molteplici per una libera espressione e comunicazione, caratterizzate da fantasia e inventiva.



Progettazione grafica
prof. Paolo Azzella


Progettazione per il costume
prof.ssa Margherita Leone

Studio di ricerca e sviluppo totale di un progetto di costume per lo spettacolo, articolato in più fasi. Durante il corso sarà preso in analisi un testo (libretto, sceneggiatura, ecc.) come punto iniziale di ricerca e, si alterneranno lezioni teoriche sull’approccio alla progettazione e di come e, in quanti modi possa svolgersi, ricercando esempi pratici di tipo teatrale e cinematografici, insieme a lezioni laboratoriali, come lo svolgimento di studi di ricerca tramite bozzetti, sull’evoluzione stilistica delle epoche e sui personaggi.


Psicologia dell’arte
prof.ssa Cristina Principale

Indagine teorica dei processi di produzione e fruizione dell’opera d’arte, attraverso le categorie psicologiche e psicoanalitiche e la ricerca neuroscientifica.


Regia 1
prof. Alessandro Piva

Il Corso ha l’obiettivo di fornire elementi teorici e competenze tecniche utili all’acquisizione delle consapevolezze necessarie al lavoro del regista cinematografico e televisivo e, più in generale, per ricoprire ruoli da caporeparto nella filiera dell’audiovisivo.


Regia 2
prof. Antonio Trimani


Il corso di Restauro dei dipinti su tela e tavola fornisce strumenti conoscitivi importanti sui materiali costituenti l’opera d’arte, indagando la disamina delle evoluzioni tecniche e materiche che ne hanno indotto le modifiche e scelte nei supporti, caratteristiche e loro essenze (stagionatura, taglio, tessiture, chiodature, incastri), preparazioni, modalità di esecuzione o riporto del disegno, i pigmenti, leganti, vernici e velature.


Sceneggiatura per i videogiochi
prof. Matteo Genovesi

Il corso si articolerà in due parti interconnesse. Nella prima parte teorica verrà percorsa la storia del medium videoludico a partire dagli albori negli anni Cinquanta fino ai giorni nostri, focalizzandosi in particolare sull’evoluzione delle potenzialità narrative oltre che ludiche dei giochi digitali. Nella seconda parte teorico-pratica, verranno approfondite le componenti strutturali alla base delle molteplici forme narrative presenti nei videogiochi contemporanei, focalizzandosi sulle teorie e sulle prassi della sceneggiatura videoludica per coinvolgere i giocatori in racconti virtuali interattivi.


Scenografia 1
prof.ssa Annalisa Cantarini

Il programma prevede la conoscenza delle principali affinità e differenze che vi sono tra scenografia teatrale, cinematografica e televisiva.


Scenografia 1
prof. Michele Maielli

Il corso, indirizzato agli studenti iscritti al primo anno di Senografia, sarà articolato in modo da consentire agli stessi di acquisire e/o approfondire tutte le competenze e le abilità relative alla metodologia della progettazione scenografica con particolare attenzione all’ambito specifico del teatro.


Scenografia 2
prof.ssa Annalisa Cantarini

Il programma prevede la conoscenza delle principali affinità e differenze che vi sono tra scenografia teatrale, cinematografica e televisiva.


Scenografia 2
prof. Michele Maielli

Il corso, indirizzato agli studenti iscritti al secondo anno di Senografia, sarà articolato in modo da consentire agli stessi di acquisire e/o approfondire tutte le competenze e le abilità relative alla progettazione scenografica riguardo a due ambiti specifici: MODULO 1 - SCENOGRAFIA TEATRALE, progettazione di scenografie per il teatro di prosa; MODULO 2 - SCENOGRAFIA PER LA TELEVISIONE, progettazione scenografica per un programma TV


Scenografia 3
prof.ssa Annalisa Cantarini

Il programma prevede la conoscenza delle principali affinità e differenze che vi sono tra scenografia teatrale, cinematografica e televisiva.


Scenografia 3
prof. Michele Maielli

Il corso, indirizzato agli studenti iscritti al terzo anno di Senografia, sarà articolato in modo da consentire agli stessi di acquisire e/o approfondire tutte le competenze e le abilità relative alla progettazione scenografica riguardo a due ambiti specifici: MODULO 1 - SCENOGRAFIA TEATRALE, con particolare riferimento alla progettazione di scenografie per la Lirica; MODULO 2 - SCENOGRAFIA PER IL CINEMA, progettazione di ambienti scenici per il cinema e per la fiction.


Scenotecnica 1
prof.ssa Porziana Catalano

La scenotecnica teatrale, cinematografica e televisiva: peculiarità, differenze e similitudini.


Scenotecnica 2
prof.ssa Porziana Catalano

La scena moderna: dalla graticcia alla materia. Come è cambiata la scenografia e la sua realizzazione.


Scrittura creativa 1
prof.ssa Mariangela Barbanente

L’obiettivo è quello di fornire elementi teorici sulla Scrittura Creativa, spaziando dalla Narrativa alla Sceneggiatura per il Cinema e la Televisione, e competenze pratiche da sviluppare in laboratori in classe ed esercitazioni a casa.


Scultura 1
prof. Mauro Antonio Mezzina

Il percorso formativo della scuola di scultura ha come obiettivo primario la formazione di specifiche figure professionali nel campo delle Arti Plastiche


Scultura 2
prof. Mauro Antonio Mezzina

Il percorso formativo della scuola di scultura ha come obiettivo primario la formazione di specifiche figure professionali nel campo delle Arti Plastiche


Scultura 3
prof. Mauro Antonio Mezzina

Il percorso formativo della scuola di scultura ha come obiettivo primario la formazione di specifiche figure professionali nel campo delle Arti Plastiche


Serigrafia
prof. Giovanni De Serio

Nel Corso di serigrafia si affronteranno gli aspetti teorici e pratici del processo di stampa serigrafica su tessuto e su carta.


Sound design 1
prof. Gabriele Panico

Il Sound Design come arte della manipolazione, ideazione creativa, controllo e ottimizzazione della componente sonora nei media. Il corso si prefigge lo scopo di fornire gli strumenti teorici e tecnici basilari per effettuare una adeguata analisi e comprensione dei differenti contesti comunicativi, delle relative esigenze funzionali, e delle tecniche necessarie per il perseguimento degli scopi suddetti, con particolare riferimento alle tecniche di ideazione, composizione, registrazione, acquisizione, trattamento, manipolazione, editing, missaggio, masterizzazione, finalizzazione e confezionamento dell’opera sonora desiderata.


Sound design 2
prof. Gabriele Panico


Storia del cinema e del video
prof. Emanuele d’Angelo

Il corso affronta i lineamenti generali della storia del cinema dalle origini ai giorni nostri, analizzando i principali autori e i più significativi movimenti che ne hanno caratterizzata l’evoluzione. Gran parte delle lezioni sono dedicate alla visione di documentari e materiale cinematografico (comprese pellicole integrali), introdotto e commentato, con successivo dibattito di approfondimento.


Storia del cinema e del video
prof. Antonio Trimani

Il corso si pone come obiettivo quello di ripercorrere la Storia del Cinema in quanto pratica, cogliendone la radicale “sperimentazione” all’interno delle profonde trasformazioni socio-culturali avvenute nei primi decenni del Novecento, a partire dal legame stretto con la sperimentazione artistica successiva alla Prima Guerra Mondiale. Sarà preso in considerazione il rapporto fra la tecnica e il linguaggio della macchina-cinema e l’opera-film. Sarà oggetto di studio mirato l’ Avanguardia Cinematografica designata anche come “Il cinema di pittori e poeti”, dal “Dadaismo” al “Surrealismo”. Si intenderà di concludere il corso con l’ Espressionismo Tedesco” e le Avanguardie Russe. Il corso monografico sarà invece dedicato all’opera registica di Orson Welles. Il corso, inoltre, prevede lo studio della storia del Video Arte, dalla fine degli anni Sessanta, affrontando i lavori degli artisti più rappresentativi di quelli che vengono designati i "pionieri" della video arte: Peter Campus, Gary Hill, Dan Graham, Bruce Nauman e Bill Viola.


Storia del costume
prof.ssa Paola Nitti

Il corso si propone di indagare la Storia del Costume a partire dalle grandi civiltà del passato, delle quali, quella mesopotamica sembra essere la più antica. Grazie alle fonti documentarie, iconografiche e materiali, sarà analizzato il costume delle antiche civiltà: mesopotamica, egizia, cretese, micenea, greca, etrusca e romana, per approdare allo studio del costume medievale e dei secoli XV, XVI, XVII e XVIII. Dall’analisi delle motivazioni e delle interconnessioni delle società del passato, il costume è un “segnale” indispensabile per elaborare una storia della società legata allo sviluppo del gusto, degli eventi socio-politici, religiosi, artistici e all’espressione individuale, che è fonte primaria di tutti questi meccanismi.


Storia del design
prof. Giancarlo Chielli



Storia dell'arte moderna
prof.ssa Giuseppina Petruzzelli

L’arte del Quattrocento in Italia, il Rinascimento Umanistico; il Rinascimento Classicistico; il Manierismo; il Barocco, il Rococò, il Neoclassicismo. L’arte greca e romana è presupposto ineludibile a questi contenuti. L’arte moderna dei territori: ricerca individuale volontaria sui monumenti e le opere presenti nei luoghi di provenienza degli studenti.


Storia dell'arte moderna
prof.ssa Paola Nitti

Il corso di Storia dell’Arte Moderna si propone di partire dall’analisi delle principali manifestazioni artistiche del Gotico Internazionale in Europa e nell’Italia centro – settentrionale e, dopo un confronto con l’arte europea delle corti del periodo, saranno messi in evidenza gli svolgimenti fondamentali della Storia dell’Arte in Italia e in Europa dal Tardogotico al Barocco, prendendo in esame l’attività dei principali pittori, scultori e architetti e illustrando i più significativi contesti storici e culturali italiani ed europei.


Storia dell'arte moderna
prof.ssa Maria Angelastri


Storia della fotografia
prof. Mario Panarello


Storia della moda
prof.ssa Paola Nitti

Nel corso delle lezioni verranno affrontati alcuni temi, intrecciando approccio cronologico ed approccio tematico. I temi riguarderanno l’evoluzione dell’abbigliamento - dalla moda delle corti settecentesche allo stile e al gusto nelle età rivoluzionaria, neoclassica, e imperiale; dall’affermazione della moda borghese alla nascita dell’alta moda; dal made in Italy all’affermazione del prêt à porter – nell’ambito dell’evoluzione della società e del gusto, testimoniando così un aspetto della cultura, fra la storia e l’arte, e interpretandone i valori.


introduzione degli studenti alla storia della televisione, al riconoscimento dei principali generi televisivi e alla conoscenza della loro evoluzione formale e contenutistica.


Storia dell’arte antica
prof.ssa Rosalinda Romanelli

Il corso intende fornire una preparazione base di Storia dell’Arte antica, in un ampio excursus dalle civiltà preelleniche all’arte Tardoantica e Paleocristiana, al fine di consentire allo studente l’acquisizione di una visione completa del profilo della disciplina e un’autonomia di lettura dei fenomeni storico-artistici in relazione ai contesti geografici, storici e socio-culturali. Il programma dedicherà ampio spazio ai casi di studio più rilevanti di età greca e romana, dalla fase arcaica all’ellenismo, dagli Etruschi alla diffusione della cultura greca in Italia meridionale, dall’età repubblicana alla tarda antichità, fino alla elaborazione del linguaggio iconografico della prima cristianità che aprirà le porte a un nascente Medioevo.


Storia dell’arte contemporanea 1
prof.ssa Giuseppina Petruzzelli

il corso intende fornire agli studenti la conoscenza dello svolgimento della storia dell’arte dal Settecento ai primi anni del Novecento, focalizzando l’attenzione sulla storia della pittura e della scultura.


Storia dell’arte contemporanea 1
prof. Graziano Menolascina


Storia dell’arte contemporanea 1
prof.ssa Antonella Marino

Dal Postimpressionismo alle avanguardie artistiche della prima metà del ‘900


Le nuove tecnologie oggi influenzano il mondo dell’arte e i suoi linguaggi, difatti sta mutando anche il ruolo dell’artista e variano le relazioni tra l’estetica, l’etica, la filosofia sociale. I nuovi codici creativi visualizzano flussi comunicativi estremamente dinamici in uno scenario ricco di innumerevoli immaginari. La storia delle arti e delle teorie estetiche (con particolare riferimento al campo dei new media) saranno oggetto di studio e ricerca. Difatti, il corso mira a fornire conoscenze di base e strumenti metodologici di approccio alla Storia dell’arte contemporanea attraverso l’approfondimento delle principali esperienze artistiche dei periodi presi in esame.


Storia dell’arte contemporanea 1
prof.ssa Maria Angelastri


Storia dell’arte contemporanea 2
prof.ssa Giuseppina Petruzzelli

Il corso intende fornire agli studenti la conoscenza dello svolgimento della storia dell’arte dalle Avanguardie storiche dei primi del Novecento alle neo-Avanguardie del secondo Novecento. Conoscenza della terminologia specifica dell’arte contemporanea.


Storia dell’arte contemporanea 2
prof.ssa Antonella Marino

L’Arte tra Europa e America, dal II Dopoguerra agli anni Sessanta.


Storia dell’arte medioevale
prof.ssa Rosalinda Romanelli

Il corso intende fornire una preparazione base di Storia dell’Arte in Italia e nel resto dell’Europa, dal IX al XIV secolo, al fine di consentire allo studente una lettura autonoma e critica dei fenomeni storico-artistici, in relazione ai contesti storici, cultuali e culturali.


Gli studenti frequentanti studieranno prevalentemente i modelli dell’illustarzione pubblicitaria del Cartellonismo basando gli approfondimenti mediante la consultazione di materiale di repertorio originale


Storia dello spettacolo
prof. Emanuele d’Angelo

Percorsi teatrali storici e geografici dall’antica Grecia ai giorni nostri, con approfondimenti mirati sui principali momenti evolutivi della storia dello spettacolo e con particolare attenzione a intersezioni e riscritture.




Tecniche del mosaico
prof.ssa Francesca Ruggieri

Il corso ha come obiettivo generale quello di fornire allo studente le nozioni storiche, teoriche e tecnico-pratiche necessarie alla realizzazione di elaborati musivi che guardino alle tecniche tradizionali e al contempo alle esigenze del mercato del design e dell’arte contemporanea. In una prima fase, di impronta teorica, verranno analizzate storicamente le tecniche musive sviluppatesi nel corso dei secoli, a partire dai primissimi ed elementari esempi di mosaico sino ad arrivare alle espressioni più sorprendenti dei giorni nostri. Come naturale conseguenza, saranno prese in esame le tecniche (dirette o indirette), il disegno, i materiali, i leganti ed i supporti, siano essi tradizionali od innovativi, nonché le possibilità esistenti ed in divenire per l’eventuale autoproduzione delle tessere. Di fondamentale importanza sarà lo studio delle personali inclinazioni e dello stile dello studente indagato attraverso la produzione grafica di bozzetti, supportata anche da programmi di elaborazione digitale dell’immagine, utili a produrre un progetto originale, personale e ad alto livello creativo.



In sintonia con l’assunto di Vasari secondo cui il disegno è padre di tutte le arti, si punta a un conoscenza approfondita delle varie tecniche calcografiche e xilografiche, facendo grande attenzione all’uso del segno. Non solo è auspicabile che l’allievo giunga a conoscere le varie tecniche incisorie ma che diventi, nel corso degli anni, sempre più abile a piegarle alla sua volontà espressiva.


Tecniche dell’incisione - Grafica d’arte 1
prof.ssa Carmela Maria Patrizia D’Orazio

Il corso prevede un assiduo e approfondito esercizio delle tecniche incisorie nelle differenti soluzioni tecnico-artistiche, attraverso l’analisi degli aspetti storici, iconografici, tecnico-pratici e sperimentali.


Tecniche dell’incisione - Grafica d’arte 2
prof.ssa Carmela Maria Patrizia D’Orazio

I contenuti didattici inerenti il Corso di Tecniche dell’Incisione per il Biennio Specialistico, comprendono la somma degli aspetti teorici, dei procedimenti tecnici e metodologici della materia incisa, secondo le tecniche calcografiche, xilografiche, litografiche, serigrafiche e sperimentali.


In sintonia con l’assunto di Vasari secondo cui il disegno è padre di tutte le arti, si punta a un conoscenza approfondita delle varie tecniche calcografiche e xilografiche, facendo grande attenzione all’uso del segno. Non solo è auspicabile che l’allievo giunga a conoscere le varie tecniche incisorie ma che diventi, nel corso degli anni, sempre più abile a piegarle alla sua volontà espressiva.


Tecniche dell’Incisione - Grafica d’arte 3
prof.ssa Carmela Maria Patrizia D’Orazio


In sintonia con l’assunto di Vasari secondo cui il disegno è padre di tutte le arti, si punta a un conoscenza approfondita delle varie tecniche calcografiche e xilografiche, facendo grande attenzione all’uso del segno. Non solo è auspicabile che l’allievo giunga a conoscere le varie tecniche incisorie ma che diventi, nel corso degli anni, sempre più abile a piegarle alla sua volontà espressiva.


Tecniche dell’incisione calcografica
prof. Carmine Maurizio Muolo


Tecniche di fonderia
prof. Mauro Antonio Mezzina


Corso di modellazione digitale e tecniche di rappresentazione grafica dal raster al cad, dal parametrico al facilitatore di renderizzazione.


Analisi storico/pratica degli elementi tecnici della decorazione: la storia della decorazione, lo studio del colore, l’equilibrio formale, l’architettura, i supporti, le tecniche applicative.


Tecniche grafiche speciali
prof.ssa Cristina Fatato

Il corso di Tecniche Grafiche Speciali, si concentra sull’impaginazione degli elementi grafici, sul formato della carta, sul carattere, sull’illustrazione, sul layout e sull’interazione tra sperimentazione, progettazione e stampa.


Tecniche pittoriche
prof. Francesco Cervelli

Il programma si propone di fornire l’acquisizione delle conoscenze teoriche e pratiche delle tecniche per la pittura. Le lezioni saranno focalizzate sulle tecniche della pittura nella bottega punto cardine dell’esecuzione. Ripetitività e originalità come obiettivo d’apprendimento. Le tecniche pittoriche più diffuse come l’acquerello, la tempera, i colori acrilici o ad olio, e la relativa estrapolazione del metodo di realizzazione, saranno applicate ai processi di rappresentazione dal vero e all’ideazione libera e saranno inoltre collegate a degli esempi tratti dalla storia della produzione artistica.


Il settore disciplinare è orientato alla ricerca ed alla sperimentazione finalizzata alla creazione di forme libere relazionate agli sviluppi contemporanei del linguaggio decorativo, plastico e formale. Saranno approfonditi in modo particolare le tecniche del basso e alto rilievo, tutto tondo, assemblaggio, istallazioni, sino ai nuovi linguaggi della contemporaneità ed ai nuovi materiali.


Oggi i materiali vengono progettati in scala molecolare e trovano applicazione pratica nella realizzazione di dispositivi intelligenti che reagiscono agli stimoli ambientali, configurando scenari di una nuova realtà sensibile e interattiva. Materiali che cambiano colore al variare della temperatura, liquidi che diventano solidi, monitor flessibili, teli che convertono la luce del sole in energia e indumenti elettronici per il monitoraggio sanitario sono solo alcuni esempi. Quello dei materiali innovativi, intelligenti, interattivi è un nuovo ambito di progettazione che segna l’inizio di una nuova fase dell’arte del design, della progettazione e del restauro in cui l’interazione diventa sostenibile e migliora la qualità della vita. Il programma intende attivare un percorso di conoscenza delle tipologie, dei requisiti e delle potenzialità dei nuovi materiali per l’arte, il design e per la valorizzazione dei beni culturali. In particolare sarà approfondito lo studio e conoscenza di materiali innovativi, intelligenti, interattivi, smart con caratteristiche di removibilità, temporaneità, basso impatto ambientale. Il programma prevede l’esplorazione sensoriale dei materiali, la conoscenza delle tecniche di lavorazione, degli strumenti per trasformarli. La didattica frontale si focalizzerà sull’analisi del rapporto fra materiali, forma e ambiente, approfondendo la tematica del rivestimento come mezzo espressivo e della valorizzazione dell’ambiente costruito (contemporaneo e storico/monumentale), da realizzarsi con materiali e tecnologie derivanti dalla lavorazione dei materiali innovativi e smart (p.e. polimeri, materiali compositi e dei materiali di ultima generazione, compresi quelli derivanti dalle ricerche sulle nanotecnologie) . Parimenti saranno approfondite le tecniche di produzione, applicazione, di trattamento superficiale derivanti dall’impiego degli stessi (p.e. trattamenti e pretrattamenti, tecniche di deposizione, valorizzazione con colore e luce, ecc.). Scopo del corso è di fornire un bagaglio di conoscenze nel campo, per rispondere alle esigenze di tempestività e di efficienza nelle soluzioni tecniche. Sarà incentivata la creatività, senza limitarla all’aspetto tecnologico, come nozione e fine.


Il Corso affronta i temi cardine della Psicologia della Forma (Gestalt Psychology ), in particolare, gli aspetti legati alla percezione dello spazio, la rappresentazione dello spazio figurativo e leggi della figurazione (Gestaltung ). Gli argomenti e lo stile narrativo sono calibrati sull’ utenza studentesca delle accademie di belle arti, in prospettiva di una maturazione delle capacità di analisi dell’immagine figurativa.


Teoria e metodo dei mass media
prof. Enzo Nicola Terzano

Elementi teorici e pratici per un’ecologia dei Mass-Media. Problematiche della comunicazione nell’era digitale. La cultura dei non-luoghi virtuali. Il cinema nel Futurismo italiano. L’influsso del linguaggio cinematografico sull’estetica, sull’arte e lo spettacolo dell’avanguardia storica futurista, con riflessi sul dadaismo e sul surrealismo. Elementi estetici, storici e linguistici agli albori del cinema sperimentale.


Ultime tendenze nelle arti visive
prof.ssa Antonella Marino

Ultime Tendenze dell’arte, dalla fine degli anni Sessanta ad oggi:



Web Design
prof. Gaspare Buonsante


Xilografia
prof.ssa Carmela Maria Patrizia D’Orazio